Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito
Attesa
28-04-2016 - 08-05-2016Trento

ATTESA. SUL FRONTE DOLOMITICO DELLA GRANDE GUERRA
Fotografie di Fabio Pasini
Officina dell'autonomia, via Zanella 1/a


Periodo e orario di apertura:
28 aprile - 8 Maggio 2016
tutti i giorni 14.30-18.00

Lo sguardo di Fabio Pasini si è concentrato su alcuni luoghi simbolo del fronte italo-austriaco, in particolare del fronte dolomitico: luoghi selvaggi e meravigliosi, scenari che incantano, oggi come un tempo, ma che cent'anni fa si trasformarono in teatri di atrocità.
Fabio Pasini ha scelto di rappresentare questo mondo con il mezzo più semplice possibile, il foro stenopeico: nessuna lente, nessun mirino, solo un piccolo foro attraverso il quale la luce impressiona la pellicola. Una semplicità estrema che impone grande cura, lunghi tempi di attesa e scarsa possibilità di controllo.
Il tempo lungo di realizzazione è indicato nelle didascalie che in mostra accompagnano le immagini; la località rappresentata nella foto è infatti anticipata dal tempo di esposizione: si va da un tempo di posa di alcuni secondi fino ai 90 secondi impiegati per documentare la Strada delle 52 Gallerie verso l’imbrunire.
Questo strumento ha permesso all’autore di fissare la bellezza di queste montagne ma soprattutto di coglierne la drammaticità, silenziosa e nascosta.

In mostra sono visibili stampe in bianco e nero 9x9 cm.
Sono foto del Pasubio, sia della parte sommitale, dove più aspri furono gli scontri tra gli eserciti italiano ed austro-ungarico, sia di quel capolavoro dell’ingegneria militare che è la Strada delle 52 Gallerie.
Il profilo del Colbricon sposta lo sguardo verso l’area del Lagorai e di Passo Rolle. Seguono immagini della zona dolomitica: le trincee sul Lagazuoi, ciò che rimane delle postazioni italiane della Cengia Martini, le trincee italiane delle 5 Torri, ma anche il severo profilo della Tofana di Rozes e del Sass di Stria. Il percorso prosegue attraverso il Cristallino e il monte Piana, per concludersi nella Dolomiti di Sesto: le Tre Cime di Lavaredo viste da una postazione italiana scavata nella roccia del monte Paterno, la Strada degli Alpini e Cima Undici.

La mostra è stata realizzata in collaborazione con la Fondazione Museo storico del Trentino e rientra nel programma del Film Festival della montagna, che ospita a Trento dal 28 aprile all’8 maggio un ricco calendario di eventi.
 

BIO

Fabio Pasini, 1968 San Secondo Parmense
Con “Into the Poem”, il suo primo lavoro artistico, Pasini ha interpretato l’Artico, un mondo nel quale ha vissuto ed ha sviluppato una particolare sensibilità per il paesaggio.
Attraverso la fotografia cerca di fissare un’emozione, condividerla e perpetuarla nel tempo. La natura è la principale modella e le sue immagini la ritraggono sospesa e a volte poco definita. Una fotografia che sussurra, in cui gli spazi negativi e vuoti hanno un’importanza fondamentale.
Ha partecipato all’edizione 2015 di Artefiera Bologna.
È rappresentato dalla Galleria Forni di Bologna.
www.fabiopasini.com

 
 
Attesa
Attesa
Attesa