Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito

Archivio dei Caduti trentini nella Grande Guerra

Archivio caduti

Il Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto ha lavorato al censimento e raccolta dati sui caduti trentini nella Prima guerra mondiale. Il progetto è destinato ad assolvere ad un dovere civile di memoria e a colmare una lacuna troppo a lungo protratta.

Degli oltre 55.000 soldati trentini che tra il 1914 e il 1918 combatterono in Galizia, in Serbia e sul fronte italiano, più di 11.500 morirono nelle trincee, negli ospedali e nei campi di prigionia. I loro corpi furono sepolti in cimiteri dove ben poche famiglie poterono recarsi.
Il crollo dell’Impero austro-ungarico, nel cui esercito aveva combattuto gran parte di loro, e l’unificazione del Trentino al Regno d’Italia ostacolarono l’accurato e doveroso censimento delle perdite.
Nel dopoguerra furono le comunità a conservarne la memoria sui monumenti ai caduti e sulle lapidi poste nei cimiteri, nelle chiese e sulle piazze.

Per ogni caduto è stata predisposta una scheda che registra cognome, nome ed eventuale soprannome del caduto, luogo e data di nascita e di morte, luogo di sepoltura, stato civile, presenza di figli, luogo di residenza, professione, nomi dei genitori; il reparto e il grado dell’esercito nel quale era inquadrato il caduto, eventuali riconoscimenti ricevuti. Le cause e le circostanze della morte, dove conosciute, sono descritte con brevi note riassuntive. Quando disponibili, sono registrati anche testi e immagini. Sono specificate le fonti utilizzate, assieme ad una bibliografia di riferimento. Alcune informazioni sono indicate come da verificare.

Clicca qui per visionare l'Archivio dei Caduti trentini nella Grande Guerra.