Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito
Campana dei Caduti Rovereto

La Campana dei Caduti venne realizzata nel 1924 col bronzo dei cannoni offerti dalle nazioni che avevano partecipato al primo conflitto mondiale. Venne fusa a Trento, battezzata col nome di “Maria Dolens” e inaugurata il 4 ottobre 1925 sul Castello di Rovereto a ricordo dei caduti della Grande Guerra.
Promotore dell’iniziativa fu Antonio Rossaro (1883-1952), sacerdote roveretano e irredentista, ideatore di numerose iniziative volte a creare una memoria collettiva della guerra appena conclusa.
Inizialmente collocata sul Bastione Malipiero del Castello di Rovereto, in breve tempo la Campana divenne simbolo di risonanza nazionale e internazionale, una delle più efficaci e intense icone della memoria pubblica.
La Campana venne rifusa nel 1939 e nel 1964. Benedetta in Piazza S. Pietro da Paolo VI il 4 novembre 1965, la Campana fu collocata sul Colle di Miravalle a Rovereto, nei pressi dell’Ossario di Castel Dante.

È la più grande Campana del mondo che suoni a distesa: alta 3,36 metri, ha un diametro di 3,21, pesa 226,39 quintali, cui vanno aggiunti il battaglio (6q) e il ceppo (103q).
Lo scultore Stefano Zuech ha realizzato le scene allegoriche relative alla guerra e alla celebrazione dei caduti che la fasciano.
Da novant’anni la Campana fa udire ogni sera i suoi rintocchi per ricordare i caduti di tutte le guerre, senza distinzioni di fede o di nazionalità, e per inviare il monito ai viventi: “Non più la guerra”.


Orari di apertura:
Tutti i giorni
Gennaio, febbraio, novembre, dicembre: dalle ore 9.00 alle ore 16.30
Marzo e ottobre dalle ore 9.00 alle ore 18.00
Da aprile a settembre: dalle ore 9.00 alle ore 19.00

Dal 10 giugno 2016 per tutto il periodo estivo, la Campana sarà aperta dalle 21.00 alle 22.00 per assistere al suono di Maria Dolens delle 21.30.

Informazioni:
Tel 0464 434412 - 0464 434394
info@fondazioneoperacampana.it

 
 
Campana dei Caduti Rovereto
Campana dei Caduti Rovereto