Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito
Corno Battisti_visto da Selletta Battisti_MGR

ATTENZIONE: lo scorso autunno un violento evento atmosferico ha colpito i boschi e le valli del Trentino: numerosi sono gli itinerari che ad oggi sono ancora interessati dai danni provocati dal maltempo. Raccomandiamo pertanto prudenza; prima di intraprendere un’escursione suggeriamo di informarsi presso le Aziende di Promozione Turistica d’ambito o la sezione SAT pertinente circa le condizioni del tracciato da percorrere e di scaricare l’apposita App informativa.

Questo itinerario è molto interessante dal punto di vista storico perché ci permette di avvicinarci a numerose testimonianze di guerra con trinceramenti e punti di osservazione, di scoprire le ardite soluzioni ingegneristiche adottate dai genieri e anche alcuni lati poco noti della Prima guerra mondiale come il destino delle popolazioni trentine, il clima politico, le idee e la scelta degli irredentisti di militare nell'esercito italiano.
Proprio qui, infatti, su monte Corno furono catturati i trentini Cesare Battisti e Fabio Filzi poi condannati a morte dalle autorità militari austriache per impiccagione al Castello del Buonconsiglio in quanto traditori. Non a caso quindi monte Corno ha poi mutato nome in Corno Battisti.
Gli imperiali avevano saputo da prigionieri (o disertori) della presenza di Battisti. Quando al secondo attacco del monte Corno nella notte tra il 9 e 10 luglio gli italiani riuscirono nell'impresa di conquistare la cima, le truppe austriache reagirono con una imponente azione di fuoco e con un attacco in massa l'indomani che fece cadere monte Corno e portò Battisti nelle loro mani.

ITINERARIO
Da Rovereto (piazza Podestà) si percorre in macchina la statale 46 per la Vallarsa e Vicenza lasciandola dopo alcuni km per Trambileno, Giazzera e il rifugio Lancia. Superata la frazione di Giazzera la strada si fa stretta e si arriva in breve alla piana di malga Cheserle, dove è possibile parcheggiare l’auto. Subito ci si imbatte nei resti di un cimitero austro-ungarico.
Dal pianoro di malga Cheserle si prosegue a piedi lungo il segnavia 119 per Malga Monticello. Alla stanga che sbarra la comoda strada si prende il sentiero 119 B lasciando il 119 che invece prosegue per Pozzacchio di Trambileno. In 10 minuti si incrocia malga Buse e in mezz’ora si giunge al monte Spil dove il panorama si apre sul Col Santo, il monte Zugna e il gruppo delle Piccole Dolomiti.
Il sentiero incrocia belle baite private e declina al valico del Meserle (1679 m) dove sale il sentiero che proviene da Tezze-Valmorbia (segnavia n. 622).
Dal Valico del Meserle si giunge comodamente (circa 25 min) alla Selletta Battisti (1740 m) dove due cippi ricordano la cattura di Cesare Battisti e Fabio Filzi il 10 luglio del 1916 mentre un altare con croce e alcuni cimeli di guerra e una lapide sono dedicati al sottotenente degli alpini Luigi Casonato, che cadde nel tentativo di conquista del Corno.

In pochi minuti cammino si giunge sulle vetta del Corno Battisti, tra resti di postazioni e di trincee: la parete che domina la Vallarsa è strapiombante.
Tra la Selletta Battisti e la cima del monte Corno si incrocia la partenza del sentiero attrezzato Franco Galli che è interessante ridiscendere per un breve tratto - se esperti - per scoprire il Pozzo della Carrucola, la prima di un’ingegnosa serie di gallerie costruite nelle viscere della montagna.

Una volta tornati alla Selletta Battisti, si prende il sentiero 122 in direzione della Bocchetta Foxi (1720 m) con la possibilità di proseguire per la Bocchetta delle Corde e il rifugio Vincenzo Lancia (1 ora di cammino) oppure tornare direttamente al parcheggio seguendo il segnavia 122 attraverso i pascoli di Malga Zocchi e lungo un dolce pendio in mezzo al bosco.

Per le escursioni in Vallagarina sono disponibili alcuni utili strumenti.
La guida “I luoghi della Grande Guerra in Vallagarina” viene distribuita gratuitamente presso il Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto e all'info point dell’Azienda per il turismo Rovereto e Vallagarina (scarica qui la versione pdf).

 

La mappa escursionistica “Vallagarina. I luoghi della Prima guerra mondiale” è una carta topografica realizzata da 4Land in vendita presso il bookshop del Museo della Guerra di Rovereto e l'Info Point dell'Apt di Rovereto al costo di 4 euro.
E' disponibile una versione digitale gratuita della mappa per dispositivi mobili. Per ottenerla è suffciente scaricare gratuitamente l’applicazione Pdf Maps e poi cliccare qui.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
Claudio Gattera, Carlo Calenco, Giovanni Menotti, Cesare Battisti e Fabio Filzi, Ultimo atto: la verità sull’attacco al Corno di Vallarsa, Rossato, Valdagno (Vicenza), 2008
Marcello Maltauro, Corno Battisti, “occhio” del Pasubio sulla Vallarsa: la cattura di Cesare Battisti e di Fabio Filzi, Rossato, Valdagno (Vicenza), 1996
Stefano Biguzzi, Cesare Battisti, Utet, Torino, 2008
Comprensorio della Vallagarina, Comune di Vallarsa, Comune di Trambileno, Comune di Terragnolo, Itinerari sul Pasubio e nelle Valli del Leno, Ed. Manfrini, Rovereto, 2002

 

 
 

Info tecniche

Partenza:  Pianoro di Malga Cheserle, 1360 metri

Arrivo:  Pianoro di Malga Cheserle, 1360 metri. Quota più elevata sita a Corno Battisti, a 1761 metri

Tempo di percorrenza:  3 ore

Dislivello:  400 metri

Difficoltà:  facile, per tutti

Stagionalità:  da maggio ad ottobre

Punti d'appoggio:  Malga Zocchi (tel. 333 6753947); Rifugio Vincenzo Lancia (tel. 0464 868068) a circa un'ora da entrambi Malga Cheserle o Bocchetta di Foxi.

Corno Battisti_SAT Rovereto (2)
Corno Battisti_la cima,vista sulle Piccole Dolomiti_MGR
Corno Battisti_SAT Rovereto
Corno Battisti_la cima,vista sulle Piccole Dolomiti_MGR