Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito

Presentazione del libro | Dai Balcani all’Asinara, G. Terranova e M. Ischia

Dai Balcani all'Asinara
17-11-2017Trento

ore 20.30
Hotel America
via Torre Verde, 50

Autori: Giovanni Terranova e Marco Ischia
Editore: Comitato storico “Ludwig Riccabona”
608 pagg. b/n e colori
prezzo di copertina 30 euro

Il libro racconta la storia dei 4.000 Landstürmer tirolesi del 1° reggimento e del 27° battaglione di marcia che, con lo scoppio della Prima guerra mondiale, furono mandati sul fronte balcanico, a combattere contro la Serbia.
Per la prima volta la vicenda di questi uomini viene raccontata in lingua italiana e in maniera completa.
La ricerca condotta dagli Autori ha interessato numerose fonti bibliografiche, dell’epoca e non, fonti provenienti da banche dati e vari archivi storici, articoli pubblicati sui giornali di guerra del periodo, testimonianze in lingua italiana, tedesca, francese, ceca, ungherese, inglese e russa.
Il volume riporta inoltre il primo censimento dei tirolesi morti nella campagna di Serbia del 1914 e negli episodi successivi del fronte balcanico.
Alla prima parte del volume, dedicata alle vicende sul fronte balcanico, segue il racconto della prigionia di guerra sull’isola dell’Asinara, prigionia protrattasi anche dopo il conflitto mondiale. Le vicende dei reduci della Serbia si incrociano con quelle di altri tirolesi e commilitoni dell’esercito austro-ungarico che, provenendo dai fronti dell’Isonzo e del Trentino, finirono a scontare la prigionia all’Asinara.
Per la prima volta si è tentato, attraverso la consultazione e l’analisi di più elenchi, di ottenere una stima dei prigionieri morti sull’isola sarda durante il periodo di funzionamento del grande campo di concentramento.
Dalle pagine di questo libro emerge un cammino di sofferenze, che nelle vicende dei combattenti del primo conflitto mondiale difficilmente trova eguali: non un’odissea - termine che potrebbe indurre il lettore a qualcosa di vagamente avventuroso - ma un Calvario, un cammino di dolore che si accentuò man mano scorse il tempo.

In allegato la copertina del libro