Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito

APERTURE DEI MUSEI DELLA RETE TRENTINO GRANDE GUERRA NEL MESE DI GIUGNO

Pubblicato il 12 giugno 2012

Collezione di cimeli del Rifugio Cauriol

Durante il mese di giugno riapriranno le loro porte ai visitatori ben cinque musei della Rete Trentino Grande Guerra, aumentando l’offerta museale rivolta a turisti ed appassionati del primo conflitto mondiale che si arricchirà ulteriormente nel mese di luglio con l’apertura di altri tre musei.
Col 1 giugno e fino alla fine del mese di ottobre, è di nuovo aperta al pubblico la Collezione di cimeli del Rifugio Cauriol a Ziano di Fiemme, che espone numerosi reperti recuperati sui sentieri in prossimità delle vette del Cauriol, Cardinal, Busa Alta, Litegosa e Copolà: fra i vari pezzi esposti, una mitragliatrice austriaca Schwarzlose mod. 07/12, un elmo Farina e alcune pistole lanciarazzi.
Il 12 giugno apre Forte Strino, che ospita al suo interno un museo dedicato alla Grande Guerra in val di Sole ed in particolare nel settore del Tonale. Forte Strino offre ai visitatori reperti e cimeli provenienti da collezioni private, plastici che rappresentano la dislocazione degli eserciti e del fronte, libri e pubblicazioni sulla Grande Guerra, materiale informativo e depliant su escursioni ed itinerari presso i vicini forti austro-ungarci. Forte Strino rimarrà aperto fino al 30 settembre.
Da mercoledì 13 giugno sino a domenica 30 settembre è di nuovo possibile visitare il Museo Garibaldino di Bezzecca, al cui interno è conservata una preziosa serie di reperti sulla Prima guerra mondiale in Val di Ledro, tra i quali anche una bicicletta pieghevole del Battaglio­ne Bersaglieri Ciclisti realizzata dalla Bianchi, oltra a numerose pubblicazioni e documenti sulla Grande Guerra.
Il 15 giugno riapre anche il Museo Pejo 1914-1918. La guerra sulla porta: qui è possibile ammirare i numerosi materiali recuperati dalle cime circostanti, ed in particolare su Punta Linke, che offrono un dettagliato quadro della vita del soldato e dell'organizzazione degli eserciti e dei combattimenti in alta quota. Il museo di Pejo resterà aperto fino al 15 settembre.
Dal 20 giugno al 20 settembre rimarrà aperto il Museo della Guerra Bianca Adamellina "Recuperanti in Val Rendena" di Spiazzo Rendena, con le sue preziose collezioni di reperti provenienti dall'Adamello/Carè Alto, la cartografia, i materiali fotografici, le corrispondenze epistolari originali, che documentano i combattimenti in uno dei settori più elevati del fronte della Prima guerra mondiale.
Per informazioni dettagliate su orari di visita e giorni di apertura vi rinviamo alle schede dei singoli musei raggiungibili cliccando sulla rispettiva voce.
Vi ricordiamo inoltre che sono già aperti al pubblico altri nove musei della Rete Trentino Grande Guerra: i musei di Vermiglio, Riva del Garda, Rovereto, Lavarone, Luserna, Borgo Valsugana, il Museo Nazionale Storico degli Alpini, le Gallerie di Trento e il Museo Caproni. Per informazioni più dettagliate vi rinviamo alla sezione dedicata ai musei della Rete.

 
 
Forte Strino
Museo Garibaldino di Bezzecca
Pejo 1914 - 1918. La guerra sulla porta
Museo Spiazzo Rendena