Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito

I SUONI DELLE DOLOMITI 2014 | SUONI IN MEMORIA DELLA GRANDE GUERRA

Nell’anno in cui si ricorda in tutto il mondo il Centenario dell’inizio della Prima Guerra Mondiale, in Trentino si preannunciano numerose le iniziative che commemoreranno la storica ricorrenza. In questo quadro d’insieme, la XX edizione de I Suoni delle Dolomiti propone una serie di eventi riuniti nella sezione Dolomiti di Pace e ospitati in luoghi tuttora ricchi di testimonianze e diventati simboli della nostra storia. Eventi che sono occasione per riflettere sulle tragedie del passato e per lanciare un sempre necessario messaggio di pace e di fratellanza fra i popoli.

Un significato particolare avrà il trekking sul Monte Pasubio, dove il conflitto fra gli eserciti italiano e austriaco fu particolarmente cruento: nelle giornate dell’1, 2 e 3 luglio (con concerto conclusivo alle ore 14 di giovedì 3, al Rifugio Vincenzo Lancia), Mario Brunello e i componenti del Signum Saxophone Quartet (due sloveni e due tedeschi) ripercorreranno trincee, gallerie e camminamenti suonando musiche scritte durante gli anni della Grande Guerra. Musiche che provengono dagli archivi del Centro Studi Musica e Grande Guerra di Reggio Emilia, il cui scopo è raccogliere la più ampia documentazione sulla produzione musicale concepita durante la Prima Guerra Mondiale e, nello specifico, sulle opere composte dai musicisti impegnati nei vari fronti o costretti alla prigionia.

Musica, ma anche parole, domenica 27 luglio (Forte Dosso delle Somme, Altopiano di Folgaria, tra i cui pascoli si notano ancora i segni lasciati dalle bombe) con il trombettista Paolo Fresu e il bandoneonista Daniele di Bonaventura: suoni evocativi all’insegna dell’incontro fra jazz e profumi mediterranei, cui darà ulteriore forza l’intervento del giornalista e scrittore Paolo Rumiz.

Il trekking con Mario Brunello e il Signum Saxophone Quartet – che fa parte di un progetto iniziato lo scorso anno e che si concluderà nel 2018 con la costituzione di un’Orchestra della Pace - e il concerto di Paolo Fresu e Daniele Di Bonaventura sono inseriti nelle Celebrazioni Nazionali del Centenario della Grande Guerra.

Altri artisti italiani fanno parte del programma di Dolomiti di Pace: l’attore Giuseppe Cederna, che leggerà memorie, lettere dal fronte e poesie e racconti di Marinetti, Gadda, Ungaretti, Trilussa ed Erri De Luca (lunedì 18 agosto, Forte Zaccarana, Val di Sole), e Mauro Pagani, che riproporrà l’intero album-capolavoro Crêuza de mä di Fabrizio De André a trent’anni dalla sua pubblicazione (mercoledì 20 agosto, Arboreto di Pieve Tesino, Giardino d’Europa De Gasperi).

Voci e suoni dall’Africa contribuiranno a diffondere il messaggio universale di Dolomiti di Pace: tre concerti, il primo dei quali avrà come illustre ospite il senegalese Youssou N’Dour, una delle figure più rappresentative della world music, personalità dal forte carisma che si distingue anche per il suo impegno sociale. Il “leone di Dakar”, di cui si ricorda il sostegno ad Amnesty International e il ruolo di Ministro della Cultura ricoperto nel suo Paese, sarà martedì 22 luglio a Villa Welsperg, ai piedi delle Pale di San Martino.

In agosto sarà quindi la volta del gruppo Riviére Noire, costituito da musicisti provenienti da Brasile (il cantante Orlando Morais), Francia (il bassista e produttore Jean Lamoot) e Guadalupe (il chitarrista Pascal Danae); ospite speciale il cantante maliano Kassé Mady Diabaté (mercoledì 6, Monte Vignola, Altopiano di Brentonico, parte del quale è percorso dal Sentiero della Pace). Dal Mali proviene anche Habib Koité, cantante e chitarrista discendente da una antica e nobile famiglia di griots (venerdì 8 agosto, nei pressi del recentemente restaurato Forte Corno, Valle del Chiese, Adamello). Habib Koité si esibirà alla guida del gruppo Bamada.

Trekking con Mario Brunello e Signum Saxophone Quartet

Il percorso:
1°giorno: ore 5 di cammino, dislivello 730 metri in salita e 30 metri in discesa, difficoltà E
2°giorno: ore 5 di cammino, dislivello 300 metri in salita e 410 in discesa, difficoltà E
3°giorno: ore 2 di cammino, dislivello 173 metri in salita, difficoltà E
Come partecipare:
Iniziativa a numero chiuso e a pagamento.Quota € 355. La quota di partecipazione comprende, pasti, pernottamenti e prime colazioni nei rifugi, accompagnamento e assistenza delle Guide Alpine, transfer, performance artistiche e t-shirt del festival. A carico degli iscritti gli extra e il sacco lenzuolo.
Informazioni:
Info e prenotazioni a partire dal 5 maggio
0464 430363
www.visitrovereto.it

Fonte: Comunicato Stampa Trentino Sviluppo divisione Turismo e Promozione