Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito

IN GERMANIA SUCCESSO TV PER "IL SENTIERO DELLA PACE"

Sentiero della pace_MGR

La memoria della Grande Guerra sulle montagne del Trentino suscita forte interesse anche all’estero, in particolare nei paesi di lingua tedesca dai quali provenivano molti dei militari che furono impegnati sul fronte che correva sulle nostre montagne.
La riprova, il successo registrato in Germania dal documentario “Vom Krieg zum Frieden” dedicato al Sentiero della Pace, il percorso di 520 chilometri lungo il fronte della Grande Guerra dal Tonale alla Marmolada.
Lanciato lo scorso ottobre dalla messa in onda di un “best of” di 45 minuti su ARD Sportschau, è stato trasmesso in quattro puntate ognuna della durata di 30’ dall’8 all’11 dicembre dalla Bayerischer Rundfunk, il canale radiotelevisivo più diffuso della Baviera, successivamente riproposte anche sui canali web di ARD www.sportschau.de e di Bayerischer www.br.de con ottimi riscontri.
Quattro milioni e 500 mila sono stati infatti gli spettatori che lo hanno seguito, mentre la promozione sui media attraverso spot tv e web, preview e trasmissioni radio dedicate, articoli sulla stampa, ha generato complessivamente 20 milioni di contatti.
“Vom Krieg zum Frieden” è stato prodotto da Peter Schlickenrieder, commentatore sportivo tedesco, già olimpionico dello sci nordico, con il supporto logistico e organizzativo di Trentino Marketing.
«Questo ottimo risultato, spiega Maurizio Rossini direttore di Trentino Marketing, è il frutto di un grande lavoro di squadra che ha visto l’ente territoriale condividere questo importante progetto della tv bavarese con le diverse Apt di ambito interessate, insieme alle principali istituzioni impegnate nel Progetto Grande Guerra, al quale ha contribuito certamente anche l’ottimo rapporto che, da tempo, lega Peter Schlickenrieder al Trentino. La nostra soddisfazione non può che essere condivisa con tutti questi soggetti, grazie ai quali è stato possibile predisporre e organizzare al meglio la logistica delle riprese del documentario, più complessa in quanto si sono svolte per lo più in zone di montagna.»

Le riprese sono state realizzate nel corso dell’estate lungo il Sentiero della Pace, in alcuni dei luoghi simbolo della Grande Guerra in Trentino: nel Gruppo dell’Adamello sulla Cima Cresta Croce, famosa per il celebre cannone, in alta Val di Sole lungo il “Sentiero dei fiori” sopra Passo Tonale, nei forti in Valle di Ledro, fra le fortificazioni e le trincee sui monti attorno Riva del Garda, al Museo storico italiano della Guerra e alla Campana dei Caduti di Rovereto, nel Gruppo del Pasubio e tra i forti degli Altipiani di Folgaria-Lavarone e Luserna, in Valsugana, tra le cime del Lagorai attorno San Martino di Castrozza e sulla Marmolada.