Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito

L’ITALIA NELLA GUERRA MONDIALE E I SUOI FUCILATI: QUELLO CHE (NON) SAPPIAMO | INCONTRO DI DISCUSSIONE. 4-5 MAGGIO 2015

L’Italia nella Guerra mondiale e i suoi fucilati: quello che (non) sappiamo

Il Museo Storico Italiano della Guerra, nell’anno del Centenario della Grande Guerra, dedica due giorni di discussione ad un tema fra i più delicati, che merita una più ampia conoscenza da parte dell’opinione pubblica ed ulteriori approfondimenti ed indagini da parte della ricerca storiografica riferita al Primo conflitto mondiale: il tema della disciplina militare, dei processi in tempo di guerra e più dettagliatamente delle fucilazioni nell’esercito italiano negli anni in cui fu coinvolto nello scontro contro le truppe austro-ungariche.
Il convegno si svolgerà presso la sala conferenze del MART, nel pomeriggio di lunedì 4 e nella mattinata di martedì 5 maggio. Numerosi i relatori, storici e giornalisti di rilievo locale, nazionale ed europeo, che affronteranno il tema offrendo differenti prospettive e nuovi spunti di riflessione.

Nel pomeriggio di lunedì interverranno:
Alberto Miorandi, presidente del Museo Storico Italiano della Guerra
Franco Marini, Comitato storico scientifico per gli anniversari di interesse nazionale
Domenico Rossi, Sottosegretario di Stato alla Difesa
Nicola Labanca, Centro Interuniversitario di Studi e Ricerche Storico-Militari e Università di Siena
Hubert Heyriès, storico, Università di Montpellier
Oswald Überegger, storico, Centro di competenza Storia regionale della Libera Università di Bolzano
Irene Guerrini, Marco Pluviano, storici, CRID 14-18
Fabrizio Rasera, storico, Accademia Roveretana degli Agiati
Antonio Polito, “Corriere del Mezzogiorno”.

Martedì mattina relazioneranno:
Giuseppe Ferrandi, storico, Fondazione Museo storico del Trentino
Marco Mondini, storico, Fondazione Bruno Kessler e Università degli Studi di Padova
Santo Marcianò, Ordinario Militare per l’Italia
Marco Cavallarin, insegnante
Luca Boschetti, sindaco di Cercivento
Paolo Rumiz, “La Repubblica”
Fabrizio Rasera, storico, Accademia Roveretana degli Agiati
Agostino Giovagnoli, Società Italiana per lo Studio della Storia Contemporanea
Nicola Labanca, Centro Interuniversitario di Studi e Ricerche Storico-Militari e Università degli Studi di Siena
Camillo Zadra, provveditore del Museo Storico Italiano della Guerra
 
Per il programma dettagliato consulta il pdf allegato
 
 
Iscrizioni:
La partecipazione all’incontro è gratuita e aperta a tutti previa iscrizione. Per iscriversi inviare un’email a comunicazione@museodellaguerra.it indicando nome, cognome e le giornate a cui si intende partecipare.
L’iniziativa è valida ai fini dell’aggiornamento del personale docente.
 
Informazioni:
Museo Storico italiano della Guerra
via Castelbarco 7
Rovereto TN
+39 0464 438100
info@museodellaguerra.it