Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito

FORTE POZZACCHIO: L'INAUGURAZIONE

Forte Pozzacchio visto dall'alto

Dopo un lungo restauro e la conclusione dei lavori, Forte Pozzacchio - Werk Valmorbia viene restituito al pubblico e alla comunità nella giornata del 5 luglio.
La giornata non è solo occasione per concludere insieme un percorso che è durato anni e ha coinvolto istituzioni, professionisti, imprese, operatori museali e della cultura, associazioni, ma anche per tracciare i primi passi verso il futuro provando a immaginare quali eventi, collaborazioni e progetti potranno interessare il Forte e mettere in rete i soggetti più diversi.
Durante la giornata di domenica 5 luglio, il Forte rimarrà aperto e visitabile e vedrà la presenza di quanti hanno contribuito a restituirlo ai trentini così come ai visitatori italiani e stranieri. Le sue sale e gallerie potranno essere scoperte grazie a percorsi guidati, arricchiti dalla presenza di performer che approfondiranno temi e figure della Grande Guerra. Il programma si concluderà con parole e note che dimostreranno come ancora oggi i drammi collettivi e privati di un secolo fa possano essere occasione di riflessione e di percorsi creativi condivisi.
La giornata di domenica 5 luglio è anche una opportunità per poter accedere al forte con visite guidate gratuite e approfondimenti che metterano in luce una parte delle tipologie di proposta che a forte Pozzacchio prenderanno vita nei prossimi mesi.
Il programma inizia con il Ricordo dei caduti (ore 10.30). Segue il racconto di quanto fatto da parte di chi ha contribuito a più livelli al raggiungimento di questo risultato importante dalle istituzioni, ai tecnici, ai progettisti, ai musei e altri protagonisti di una scommessa che ha impegnato molte figure per anni.
La mattina si conclude con il taglio del nastro ed è punteggiata da momenti sonori a cura della Musica Cittadina Riccardo Zandonai.
Nel pomeriggio – aperto da un concerto della Musica Cittadina Riccardo Zandonai (ore 14) – la fortezza si anima di voci e percorsi con le visite guidate gratuite tra le sale e le gallerie completamente scavate nella montagna che potranno contare sulle competenze degli esperti di ACR Il Forte (ore 14.30-17).
In alcune parti del Forte andranno in scena anche delle letture sceniche (ore 15-16.30): lettere, ricordi, immagini di personaggi attraverso i quali conoscere la Grande Guerra e i suoi protagonisti. A cura del Museo Storico Italiano della Guerra e di Michele Comite.
A concludere la giornata anche il reading-concerto alle ore 17.00 di Wu Ming Contingent “Schegge di Shrapnel. Wu Ming Contingent racconta la Grande Guerra”. Si tratta dell'anteprima nazionale del lavoro del collettivo Wu Ming che uscirà in autunno per la casa editrice Einaudi e avrà come protagonista la Prima Guerra Mondiale.
Si racconta di articoli, cartelle cliniche, verbali e lettere che hanno come filo conduttore l'inganno, la menzogna: storie di renitenti, disertori, simulatori di malattie, imboscati.
Ma anche le bugie assassine della propaganda e quelle pietose nella corrispondenza privata. E infine gli studi sul mimetismo di artisti e pittori: come ingannare il nemico con forme, colori, armi. Una rassegna di parole e musica sulla Grande Illusione della guerra, il tutto nelle forme tipiche dei romanzi ai quali i Wu Ming hanno abituato i tanti lettori italiani che li seguono.

Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito e al forte sarà attivo un punto ristoro.
 
Per l'occasione sarà attivato anche un bus navetta che porta fino all'inizio della strada militare che conduce al forte (info su orari e luoghi verranno indicati sul sito fortepozzacchio.it).
Il forte è raggiungibile con 20 minuti di cammino. Si consiglia l'utilizzo di scarpe adeguate e di una giacca per lo sbalzo di tempeartura tra l'esterno e i locali interni. Lungo l'itinerario sono affissi pannelli illustrativi e indicazioni per comprendere meglio gli eventi e per godere in sicurezza sia il percorso di avvicinamento sia la visita al manufatto.
 
Tra i numerosi attori di questa giornata il Comune di Trambileno, la Provincia Autonoma di Trento, la Comunità della Vallagarina, la Fondazione Museo storico del Trentino, il Museo Storico Italiano della Guerra, il Progetto Grande Guerra, il Circuito dei Forti del Trentino, l'Associazione Culturale Ricreatica Al Forte, l'Associazione Steval, tutte le associazioni del territorio, l'Azienda per il Turismo di Rovereto e Vallagarina, il BIM dell'Adige, i Vigili del Fuoco di Trambileno.