Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito

A SETTEMBRE DUE IMPORTANTI CONVEGNI INTERNAZIONALI A TRENTO SULLA PRIMA GUERRA MONDIALE

In guerra con le aquile

"Paesaggi di guerra: immaginario, rappresentazione, esperienza" e “In guerra con le aquile” sono i titoli dei due importanti appuntamenti che riuniranno nelle prossime settimane a Trento esperti e studiosi della Prima guerra mondiale -e non solo- provenienti da molte parti del mondo.

Il 10 settembre si apre a Trento il convegno "Paesaggi di guerra: immaginario, rappresentazione, esperienza" promosso dall’International Society for First World War Studies in collaborazione con l’Istituto Storico Italo Germanico attivo all’interno della Fondazione Bruno Kessler.
L’evento rientra nel progetto “1914-1918. Trentino, Italia, Europa” che in questi anni, grazie alla costruzione di una fitta rete di rapporti internazionali ha portato all’attenzione del dibattito scientifico europeo l’unicità del “caso Trentino” all’interno del particolare contesto storico della guerra italo-austriaca.
Il convegno si svolge su tre giornate, la prima delle quali si svolgerà a Trento (il 10 settembre nell’Aula magna della Fondazione Bruno Kessler), la seconda ad Asiago (VI) e la terza a Padova e vedrà la partecipazione di oltre settanta tra relatori e discussant provenienti da tutto il mondo.

Il secondo appuntamento è per il 17 settembre al MUSE, giorno di apertura del convegno “In guerra con le aquile. Geologi e cartografi sui fronti alpini del primo conflitto mondiale” organizzato da ISPRA, Servizio geologico d’Italia, Società geologica italiana, MUSE e Geologische Bundesanstalt di Vienna con Fondazione Dolomiti Unesco, Fondazione Caritro, Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto.
Il tema che verrà affrontato è quello del ruolo di geologi e cartografi nel corso della Prima guerra mondiale.
L’ambiente alpino, quello dolomitico in particolare, ostrinse gli eserciti a combattere in condizioni estreme; il convegno vuole raccontare e ricordare da un punto di vista storico e geologico i luoghi, gli eventi e i personaggi coinvolti nel conflitto.