Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito

AL VIA DOMENICA 20 SETTEMBRE 2015 LA PRIMA EDIZIONE DELLA PASSO BUOLE EXTREME

Passo Buole Extreme

Mancano pochi giorni al via della prima edizione della Passo Buole Estreme, competizione per mountain bike su un circuito che si snoderà lungo i luoghi della Grande Guerra nelle prossimità di Ala; un tracciato di circa 40 km e 1790 m dsl. che partirà dalle vie del centro storico di Ala verso l’antica Strada Romana che porta all’abitato di Marani, proseguirà in direzione del Santuario di San Valentino, lungo la salita dei capitelli, e di qui si imboccherà la strada che porta a Passo Buole (Termopili d’Italia) e Malga Val di Gatto. Giunti a Passo Buole si proseguirà per Cima Perobia e successivamente si imboccherà il sentiero che porta a Località Rom nella frazione di Ronchi Ala. Dall’abitato di Ronchi passando per loc. Schincheri, percorrendo in discesa la Strada della Stella e la valle del Torrente Ala, si farà ritorno nel centro storico di Ala, con l’arrivo suggestivo di P.zza San Giovanni.
Inserita nel Circuito Lessinia Tour, di cui rappresenta l’ultima tappa, PBX vedrà impegnati alcuni dei grandi protagonisti della MTB del Trentino e del Nord Italia. A sostenere l’idea di pace e fratellanza nello sport lanciata dalla nuova competizione della MTB sono inoltre i campioni olimpici Gabriella Paruzzi (oro a Salt Lake City 2002) con i quattro Moschettieri della staffetta d’oro di Torino 2006 e Giorgio Vanzetta (oro a Lillehammer ’94) che simbolicamente rappresentano proprio quelle regioni dilaniate dalla Grande Guerra: Veneto con Fulvio Valbusa e Pietro Piller Cottrer; Friuli Venezia Giulia con Gabriella Paruzzi e Giorgio Di Centa (che proprio ieri ha chiuso la sua lunghissima carriera); Trentino con Giorgio Vanzetta e Cristian Zorzi. A loro si aggiungono due pilastri del ciclismo internazionale: il campione del Mondo Francesco Moser e Gilberto Simoni che oltre a due fantastiche vittorie nel Giro (2001 – 2003) e cinque presenze sul podio al Giro d’Italia vanta anche il titolo italiano Marathon Mtb 2006 proprio su un tracciato legato alla storia della Grande Guerra.