Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito

GUERRA ’15-’18, L’EPOPEA DEI TRENTINI “SPOSTATI”: ECCO I DUE VOLUMI PROMOSSI DAL CONSIGLIO

Presentazione del libro "Gli spostati"

Esattamente cent’anni fa, almeno un terzo della popolazione trentina veniva forzatamente allontanato dalle proprie case, dai propri territori e dai propri orizzonti. Quel “popolo dolente”, nell’arco di poche ore, si ritrovò sparso e disperso per le contrade del vecchio continente e dentro il turbine di una “guerra totale”.
E’ la storia amara e drammatica di questi nostri avi che viene raccolta, per la prima volta in modo così dettagliato e complessivo, dentro le pagine di due volumi, che compongono il cofanetto dal titolo “Gli Spostati. Profughi. Flüchtlinge. Uprchlìci”, voluto dalla Presidenza del Consiglio della Provincia autonoma di Trento e prodotto dal Laboratorio di Storia di Rovereto con l’apporto dello storico Paolo Malni, forse il maggior esperto della deportazione delle popolazione del confine bellico, nel primo conflitto mondiale.
Con il coordinamento della ricerca curato da Diego Leoni, esce così questo imponente lavoro, dentro il quale non parlano solo le parole della storia, ma anche e forse soprattutto le fotografie – protagoniste soprattutto del primo volume - di un’umanità spinta dentro un altrove sempre sconosciuto ed ostile, governato dalla legge della diffidenza e del disprezzo.
E’ infatti un’epopea, quella della deportazione trentina nei territori dell’impero austro-ungarico, come in quelli del regno d’Italia; un’epopea per troppo tempo dimenticata ad alla quale la Presidenza del Consiglio provinciale ha voluto ridare voce e dignità attraverso queste pagine, dove molti potranno ritrovare anche traccia delle proprie vicende familiari e delle memorie collettive di quel terribile gorgo che avviluppò questa terra per quattro lunghi anni.
Senza voler giudicare avvenimenti spesso incomprensibili allo sguardo odierno, questo lavoro rappresenta un nuovo, concreto contributo dell’Assemblea legislativa provinciale alle commemorazioni del centenario del primo conflitto mondiale.

La presentazione si svolgerà venerdì 6 novembre in sala Depero a palazzo della Provincia, con inizio alle 17.30. Dopo i saluti del Presidente del Consiglio provinciale Bruno Dorigatti e della Presidente del Consiglio regionale Chiara Avanzo, interverranno il professor Hans Heiss, il professor Michele Smargiassi, il professor Paolo Malni e la professoressa Caterina Di Meio per il Laboratorio di Storia di Rovereto.
Sono previsti due momenti musicali – introduttivo e finale – con il professor Federico Scarfì al pianoforte.
La cerimonia sarà diffusa in diretta tv da Rttr.