Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito

L'ARCHIVIO ONLINE DEL 900 TRENTINO E LA PRESENTAZIONE DEL VOLUME "LA RESISTENZA PERFETTA"

Archivio 900

Giovedì 28 aprile ad ore 16.00, a Trento presso Le Gallerie di Piedicastello, la Fondazione Museo storico del Trentino presenta in anteprima l'Archivio online del Novecento trentino: circa 20.000 biografie in cui le vicende individuali si sono intrecciate con gli eventi che hanno caratterizzato il XX secolo in Trentino. Assieme a Giorgio Postal, presidente della Fondazione Museo storico del Trentino, Giuseppe Ferrandi, direttore della Fondazione e Michele Toss, ricercatore, saranno presenti anche il giornalista Piero Badaloni e lo storico Giovanni De Luna che, alle 18.00 presenterà il suo ultimo libro “La Resistenza perfetta”.

Si preannuncia un pomeriggio intenso quello di giovedì 28 aprile a Le Gallerie di Piedicastello.
Alle ore 16.00, si terrà la presentazione del sito internet Archivio online del Novecento trentino.
«Questo nuovo progetto della Fondazione Museo storico del Trentino – come ha spiegato il direttore Giuseppe Ferrandi - intende mettere a disposizione del pubblico un agile strumento di indagine che, attraverso la valorizzazione dei profili biografici (sono circa 20.000 le biografie prese in considerazione), consente di cogliere gli intrecci tra le vicende individuali e i grandi eventi che hanno attraversato il Novecento trentino».


Sul sito trovano spazio cinque database: l’Archivio della scrittura popolare, un vasto universo di scritture di guerra ma non solo, Gli oppositori al fascismo, un database sugli antifascisti trentini, I militari trentini nella seconda guerra mondiale, un censimento sui soldati trentini che hanno partecipato al secondo conflitto mondiale, Donne e uomini della resistenza, una banca dati sui protagonisti della resistenza trentina e Le interviste dalla cineteca della Fondazione, una raccolta di voci che raccontano il Novecento trentino. Durante la presentazione verranno illustrare le funzionalità e le potenzialità del sito internet. L’utente potrà interrogare in maniera trasversale i differenti database, che saranno a loro volta consultabilitramite apposite maschere di ricerca, cercare suuna mappa geografica gli individui fino ad ora analizzati e contribuire ad arricchire con materiali personali i profili biografici.

Il progetto intende rivolgersi a un pubblico ampio e variegato: dal ricercatore, che può trovare nella piattaforma web un primo strumento per iniziare le sue ricerche, al singolo cittadino, che può “divertirsi” nel cercare i propri parenti nei differenti database. L’Archivio online del Novecento trentino si propone quindi di intensificare le connessioni tra il “mondo dei saperi” e la “società”, per mettere al servizio della comunità un complesso insieme di informazioni e di dati in continuo aggiornamento ed espansione.

Alla presentazione parteciperanno Giorgio Postal, presidente della Fondazione Museo storico del Trentino, Giuseppe Ferrandi, direttore della Fondazione, Michele Toss, ricercatore della Fondazione e curatore del progetto, Giovanni De Luna, storico dell’Università di Torino e Piero Badaloni, giornalista, saggista e documentarista.
Alle ore 17.00 ci sarà la possibilità di partecipare ad una visita guidata alla mostra 35-45: guerre e totalitarismi in una regione di confine, allestita nella Galleria nera fino al 5 settembre 2016.

Il pomeriggio proseguirà, alle ore 18.00, con la presentazione dell’ultimo volume di Giovanni De Luna “La Resistenza perfetta” (Milano, Feltrinelli, 2015). L’autore dialogherà con Giuseppe Ferrandi.
Il libro

Nel settantesimo anniversario della Liberazione, Giovanni De Luna ha voluto mettere di nuovo a punto un’immagine della Resistenza che si stava offuscando. Con grande efficacia l’autore ha scelto una storia, un luogo, alcuni personaggi: un castello in Piemonte, una famiglia nobile che decide di aiutare i partigiani, la figlia più giovane, Leletta d’Isola, che annota sul suo diario quei mesi terribili ma anche meravigliosi in cui comunisti e monarchici, aristocratici e contadini, ragazzi alle prime armi e ufficiali dell’ex esercito regio lottarono, morirono, uccisero per salvare la loro patria, la loro libertà, il futuro di una nazione intera.
Lavorando a cavallo tra dimensioni locali e grandi scenari, e tra storie personali e dibattiti storiografici, De Luna ci restituisce la consistenza storica di un movimento che fu davvero una lotta per la libertà, in cui si impegnarono italiani di ogni provenienza, ceto e credo politico, capaci di riscattare con il loro impegno e i loro sacrifici (a volte tremendi) una nazione intera, umiliata dal fascismo e dalla guerra.

Informazioni:
Fondazione Museo storico del Trentino
Tel. 0461-230482 – info@museostorico.itwww.museostorico.it

Fonte: Comunicato Ufficio Stampa PAT n.788 - 26/4/2016