Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito

IL PRESIDENTE ROSSI CON GLI ALPINI AL 53° PELLEGRINAGGIO IN ADAMELLO

Pellegrinaggio in Adamello_Ufficio stampa PAT
La pioggia non ha fermato il 53esimo pellegrinaggio degli alpini in Adamello, organizzato dall'Ana di Trento e della Valcamonica, giunto oggi alla sua conclusione con il raduno finale a Vermiglio, a due passi dal passo del Tonale e al cospetto delle cime sulle quali si è combattuta la Guerra bianca.
Dopo la sfilata per le vie del paese, la cerimonia si è aperta con i saluti di Maurizio Pinamonti, presedente della sezione Ana di Trento. Presenti a Vermiglio anche il governatore del Trentino Ugo Rossi, assieme all'assessore Carlo Daldoss, e in rappresentanza del Parlamento italiano il senatore Franco Panizza.
"Un momento importante, questo di oggi - ha detto Rossi - dedicato a tutti i caduti di tutte le guerre, a prescindere dalla divisa che vestivano. Un'occasione per ribadire, a cento anni dalla tragedia della Prima guerra mondiale, i valori in cui crediamo, che sono anche quelli degli alpini, impegnati con convinzione e coraggio in tutti gli scenari in cui vi sia bisogno del loro aiuto: i valori della solidarietà, della pace, del volontariato, del dialogo e della convivenza, quegli stessi valori che ribadiremo nella prevista adunata nazionale degli alpini di Trento. Valori, lasciatemi aggiungere, che rappresentano oggi l'antidoto più prezioso di cui disponiamo all'odio seminato dal terrorismo e dall'intolleranza. C'è una via diversa per guardare al futuro, ed è questa la via che vogliamo indicare alle future generazioni."

Gli ha fatto eco il senatore Panizza, che ha ringraziato gli alpini per la loro capacità di costruire "ponti", legami di amicizia che durano nel tempo. "Qui hanno avuto luogo alcuni dei momenti più tragici della Grande guerra - ha detto - ma sull'uno e l'altro versante del passo del Tonale oggi siamo assieme, siamo uniti per costruire un futro migliore, oltre ogni nazionalismo".

Dedicata quest'anno al tenente Pier Giacinto Paribelli, la cerimonia che chiude il pellegrinaggio in Adamello è proseguita con la Santa Messa e quindi con un tradizionale momento conviviale.

(mp)  Ufficio stampa PAT