Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito

ARCHEOLOGIA DELLA GRANDE GUERRA: L'ESPERIENZA DEL TRENTINO PRESENTATA A BARCELLONA E A LONDRA

Le indagini archoelogiche e le attività di recupero dei corpi dei soldati caduti durante il Primo conflitto mondiale, presentate in due prestigiosi contesti internazionali dalla Soprintendenza ai Beni culturali della Provincia di Trento.

Archeologia Grande Guerra_548x300
Le esperienze di archeologia della Grande Guerra e le attività di recupero dei corpi dei soldati caduti durante il Primo conflitto mondiale, condotte dalla Soprintendenza per i beni culturali della Provincia autonoma di Trento, sono state presentate in due prestigiosi contesti internazionali da Franco Nicolis, direttore dell’Ufficio beni archeologici della stessa Soprintendenza.
 

In occasione dell’incontro annuale dell’European Association of Archaeologists, tenutosi presso l’Università di Barcellona dal 5 al 7 settembre, Nicolis ha illustrato i risultati delle ricerche dell’Ufficio beni archeologici e portato inoltre alcune riflessioni sul trattamento dei corpi dei soldati, comprese le valenze etiche che ne derivano.

Di Grande Guerra in Trentino si è parlato anche a Londra, presso l’Imperial War Museum, dove il 12 e 13 settembre si è svola la conferenza internazionale “Curating the Great War”. In questa occasione Nicolis ha presentato la mostra “Storie senza Storia “ in corso fino al 4 novembre presso la Cappella Vantini di Palazzo Thun a Trento. Nel proprio intervento l’archeologo ha sottolineato non solo il significato documentario della esposizione ma anche il valore più profondo delle uniformi e degli altri oggetti che erano appartenuti ai soldati. In entrambi i casi, le esperienze trentine hanno riscosso un grande interesse.

Informazioni
Provincia autonoma di Trento
Soprintendenza per i beni culturali
Ufficio beni archeologici
Via Mantova, 67 - 38122 Trento
tel. 0461 492161
e-mail: uff.beniarcheologici@provincia.tn.it 
www.cultura.trentino.it/Temi/Archeologia
 

Fonte: Ufficio stampa PAT, Comunicato 2216 del 19/09/2018